UN BAMBINO O UN PIATTINO?
Header

Il club dei cuochi segreti

dicembre 1st, 2014 | Posted by Roberta C. in letture | libri di cucina - (0 Comments)

 

 

 

 

Il club dei cuochi segreti, Emanuela Bussolati e Federica Buglioni, Ediz. Editoriale Scienza

 

Vi avevo lasciato con il fiato in sospeso, dicendovi delle due uscite di Editoriale Scienza per la nuova collana Ci provo gusto.

Siete andati a sbirciare da soli?

Vi siete fatti un’idea anche del secondo titolo?

Beh, farò finta di niente e vi racconterò tutto come se non sapeste nulla…

Il club dei cuochi segreti è il titolo del volume dedicato ai ragazzini più grandi.

Ed è anche il nome di un gruppo appunto segretissimo, quello di quattro cugini che passano in campagna dai nonni le vacanze di Natale, di Pasqua e quelle estive.

Insomma ce n’è per tutte le stagioni.

I cugini scoprono il mondo dell’orto, il cielo stellato estivo e altre meraviglie della natura e alla fine di ogni avventura c’è una ricetta, facile da eseguire e spiegata chiaramente.

Viene voglia di sperimentarle subito.

Date una guardatina qui intanto, se volete un primo assaggio…

Tra le pagine corrono di soppiatto animali di ogni tipo: ricci silenziosi in punta di piedi e polli starnazzanti, lombrichi umidicci e lente lumache, che attraversano la storia ognuno con il proprio passo.

E tra germogli ,funghi e le più svariate erbe, c’è vita in abbondanza per fare numerose esperienze.

L’intento didattico insomma è portato pienamente a termine, ma senza pedanteria alcuna e la storia dei quattro piccoli esploratori si segue d’un fiato.

Accattivante la grafica, che vede alternarsi fotografie alle illustrazioni vivissime di Emanuela Bussolati e che utilizza font diversi per la parte narrativa e per le ricette.

Più che una storia come tante, sembra un diario, un quaderno degli appunti e anche questo cattura il piccolo lettore, chiamandolo a far parte del club segreto.

E poi posso dire una cosa ancora, da lettrice della vecchia guardia quale sono, di quelle che ancora si affezionano ai libri di carta?

Ebbene, gli angoli smussati di questa collana mi fanno impazzire.

Tutte storie, direte voi.

E invece mica vero.

Il formato ricorda un taccuino e viene voglia di infilarlo nella tasca della giacca e di uscire subito in cerca di un orto.

Abbiate pazienza…

 

 

 

 

Giochiamo che ti invitavo a merenda?

novembre 21st, 2014 | Posted by Roberta C. in letture - (2 Comments)

 

 

Giochiamo che ti invitavo a merenda? , Emanuela Bussolati e Federica Buglioni, Ediz. Editoriale Scienza

 

E che si fa? Non si va?

A fare merenda intendo.

Alzi la mano chi non sente in questa domanda un’eco di familiarità, chi non ricorda come un’invito del genere aprisse magicamente la porta al mondo del gioco.

Giochiamo che?

E questa volta il teatro è la cucina, quella vera e quella finta, quella fatta di zuppe sassose e quella invece fatta di torte commestibili che profumano di merenda.

Cosa c’è di meglio per avvicinare i bambini al cibo, che giocare a cucinare?

Editoriale Scienza allunga l’occhio all’Expo 2015 e inaugura una felice nuova collana che porta il nome di Ci provo gusto.

L’intento è quello di entrare con i bambini nel mondo del cibo e di contribuire alla loro consapevolezza alimentare, imparando a conoscere gli alimenti di qualità, quelli gustosi, che fanno bene e che sono anche divertenti da preparare.

Per ora sono usciti due libri, di cui Giochiamo che ti invitavo a merenda è quello rivolto ai bambini più piccoli, dai tre anni in su, per intenderci.

Si tratta di un preziosissimo manuale, zeppo di…ehm…ricette per confezionare torte e biscotti, cioccolatini e verdure, ma anche cucinette e banchetti da mercato.

Ebbene si, tutto si può costruire, riciclando materiali di ogni tipo.

Come dite, le zuppette con le foglie le sapevate già fare?

Ma ci scommetto che non vi era ancora venuto in mente di preparare succulente fette di cheese cake con dei triangoli di spugna gialla, o di friggere pesci azzurri ritagliati nel pannolenci celeste.

E le cucinette le sapete costruire, partendo da quei due cartoni destinati al cassonetto?

Dilettanti.

Leggete e imparate.

E  vi divertirete forse più dei vostri figli.

Vi lascio un paio di chicche, per sbirciare in anteprima. Si tratta dei video tutorial realizzati con le autrici.

Siete pronti?

Le parole magiche sono:

cucinetta

cibo finto

pasta di sale.

 

A proposito di autrici, non si scherza niente.

Si tratta di Emanuela Bussolati, che nel 2013 si è portata  a casa un premio Andersen come migliore autrice completa.

Nell’editoria per ragazzi lavora da un bel pezzo, come illustratrice, ma anche come direttrice editoriale di Piccoli e La Coccinella.

E’ lei che ha ideato e cura la serie de I Quadernini (Editoriale Scienza) e il suo Tararì Tararera (Carthusia) si è aggiudicato il Premio Andersen nel 2010 come miglior libro 0-6 anni.

Anche Federica Buglioni è un’autrice di tutto rispetto, ma è anche  traduttrice e redattrice.

Nel 2006 a Milano ha fondato, con Fiorella de Matteis, l’associazione Bambini in Cucina, che lavora con bambini, genitori e insegnanti sull’educazione alimentare e organizza laboratori e incontri di formazione.


Stasera cucino con papà!

settembre 4th, 2013 | Posted by Roberta C. in libri di cucina - (0 Comments)

 

 

Stasera cucino con papà!, Paolo Bodon, Ed. Trenta Editore

 

 

 

E’ accattivante questo libro, che vede raccolte le ricette di Paolo Bodon, chef e patron dell’Osteria Capoborgo.

La grafica è pulita ed essenziale, grazie al lavoro fotografico di Tiziana Arici e i contenuti sono adatti per sperimentare in cucina con i propri figli, senza perdere di vista nè il gusto nè la qualità.

Non mancano infatti suggerimenti nutrizionali e si sente come dietro alla cucina professionale di Bodon ci sia sempre la ricerca di prodotti buoni e sani.

Tra le preparazioni la torta alle pere per la colazione, la pizza, il super sandwich e il creme caramel, ma anche ricette più sfiziose come i lollipop e lo sformato di parmigiano reggiano.

Insomma una valida guida per mettere ai fornelli piccoli cuochi.

 

 

 

 

Que los ninos metan su cuchara, Editorial Conaculta

 

E’ stato girando per il Bologna Chidren’s Book Fair, alias Fiera del libro per ragazzi, che mi sono imbattuta in questo ricettario, mentre curiosavo tra le pubblicazioni dello stand messicano.

Nasce dalla collaborazione tra il Ministero della Salute del Messico e Conaculta ( Consiglio Nazionale per la Cultura e le Arti ) con l’intento di proporre piatti facili da preparare, che non perdano di vista la tradizione culinaria messicana e al contempo siano sani.

Tutto ciò nel tentativo di educare ad una corretta alimentazione, per contrastare la tendenza all’obesità infantile, problema assai diffuso in Messico.

E’ rivolto ai bambini ed è frutto di un lavoro collettivo, che ha come base un concorso: le 45 ricette riportate sono state selezionate tra più di mille ricette, provenienti dai 32 stati del paese e inviate da nuclei famigliari con la partecipazioni dei bambini.

 

Esperti di nutrizione infantile del Ministero della Salute le hanno valutate al fine di garantire un bilanciato e sano apporto di nutrienti e una commissione di bambini ha dato il suo parere prestando un contributo in una comitato di degustazione.

Un recetario de comida sana e divertida de ninos para ninos, ossia un ricettario di piatti sani e divertenti per i bambini dai bambini.

Insomma, me lo sono accaparrato al volo incuriosita dalla prospettiva di cucinare qualcosa di messicano, ammetto, non tanto per i miei pargoli schifiltosi, quanto per noi  grandi, e mi sono ritrovata tra le mani una guida inusuale.

E allora via libera a bebidas e ensaladas, platos fuertes e postres…

Bolli bolli pentolino

febbraio 28th, 2013 | Posted by Roberta C. in libri di cucina - (0 Comments)

 

 

Bolli bolli pentolino, Comune di Bologna, Ed. Editoriale Scienza

 

Viene dall’esperienza di cucina, maturata in 40 anni nei Nidi d’Infanzia Bolognesi, questo libro che raccoglie 62 ricette.

Dunque entrano in gioco una consolidata esperienza, unita alle competenze di pedagogisti e nutrizionisti, che danno il loro contributo al volume.

Le ricette sono di semplice realizzazione e prevedono ingredienti legati alla stagionalità.

Ognuna inoltre è riportata nella versione per una e per quattro persone.

E da ultimo, interessante i due calendari allegati, relativi alla frutta e alle verdure di stagione.

I quattro cucchiaini d argento

febbraio 25th, 2013 | Posted by Roberta C. in libri di cucina - (0 Comments)

 

 

 

 

Se non vi fosse mai capitato di imbattervi, in libreria, nei volumi de “Il cucchiaino d’argento”, lasciate che ve li segnali perchè ne vale la pena.

Questi quattro volumi nascono dall’esperienza de “Il cucchiaio d’argento” e sono proposti da Editoriale Domus.

Il primo, 100 pappe e piattini golosi, è rivolta ai  piccoli da zero a cinque anni e riporta 100 ricette a partire dallo svezzamento.

 

 

A seguire 100 piatti gustosi per il tuo bambino, dedicato invece alla fascia sei/dieci anni, quando il gusto dei piccoli si fa più articolato.

Interessanti le indicazioni su come preparare pasti equilibrati e soprattutto vari, che contemplino l’utilizzo delle famigerate verdure.

 

 

E per infierire ancora, a proposito di verdure, ecco che il terzo volume, appunto Verdure che passione!, che non prevede più vie di scampo per il nostro rampollo schizzinoso.

Le ricette sono semplici e gustose e le presentazioni davvero inusuali; se il vostro piccolo disdegna anche gli accattivanti gatti di spinaci non vi resta che battere in ritirata e passare all’ultimo libro:

 

 

Feste sfiziose per bambini, l’ultimo nato, che riporta la pace tra inappetenti e buongustai e inanella una gloriosa sfilza di ricette dolci e salate, adatte alle feste dei pupattoli.

Preziosi anche i suggerimenti relativi ai giochi, travestimenti e regalini vari, da organizzare per la festa.

Tutti questi volumi sono molto curati e la veste grafica è davvero gradevole, per non parlare delle foto, che da un lato ci guidano con un chiaro percorso esplicativo e dall’altro ci deliziano per la loro piacevolezza e ironia

 

Ah, dimenticavo, esiste anche una App del primo volume e ve lo comunico con una certa emozione non priva di inquietudine.

Emozione, perchè questo suggerimento ad alto contenuto tecnologico non è da me, che non appartengo ad un mondo tento evoluto.

Inquietudine perchè mi torna in mente un episodio accadutomi qualche tempo fa, mentre cucinavo leggiucchiando una ricetta dal telefonino e in un momento di distrazione il mio prezioso iphone, ploff,  è caduto nella pentola del brodo.

Ahi, quale orrore! L’ho prontamente ripescato ( ovviamente lessandomi le dita ) e l’ho rianimato come meglio potevo.

Era ancora vivo, ma in capo a qualche ora ha dato segni di cedimento perdendo l’audio.

Vorrei potervi descrivere l’espressione di sufficienza e disgusto di mio marito ( il sommo informatico della famiglia ), quando mi ha chiesto “Ma quando l’hai ripescato, hai tolto la cover e l’hai riasciugato?”.

Secondo voi l’avevo fatto?

Ho mentito, poi sono corsa in un luogo appartato per asciugare il velo di brodo che ristagnava nelle intercapedini del malcapitato aggeggio….

Menu di Yocci

novembre 28th, 2012 | Posted by Roberta C. in libri di cucina - (0 Comments)

Menù di Yocci, Yashiko Noda, Ed. Corraini Editore

Yashiki Noda, in arte Yocci, ci racconta la cucina giapponese illustrandola con l’ironia e la leggerezza che le appartiene.

Illustratrice, giornalista e blogger, è laureata in pittura presso l’Università di Belle Arti di Osaka e l’Accademia di belle arti di Bologna,   e dal 2006 collabora con L’Internazionale.

Ma tornando al nostro, pardon, al suo libro: non mi direte che sapete preparare uno zenzai?

E suppongo che anche il resto dei piatti vi risulti ben poco famigliare. Le ricette sono scritte di suo pugno in giapponese e anche in Italiano e quindi ora non avete più scuse.

Se poi vi venisse voglia di conoscerla, la troverete questo sabato 1 dicembre al Mambo di Bologna, presso l’artbookshop di Corraini.

Su prenotazione, alle 16, un laboratorio per bambini.

Piccoli buongustai

ottobre 29th, 2012 | Posted by Roberta C. in libri di cucina - (0 Comments)

 

Piccoli buongustai, Guy Martin, ed. Guido Tommasi Editore

 

Finalmente un ricettario per bambini che si sbizzarrisce con le ricette salate, contrariamente a quanto succede per la maggior parte dei libri di cucina per piccoli che prediligono le ricette di dolci, biscotti e muffins.

E allora via al pasticcio di prosciutto, alla torta di tonno e pomodori e al merluzzo panato alle nocciole!

Per ogni ricetta è riportata una scheda illustrata da colorare.

Appetitoso.

 

 

Giochiamo in cucina

ottobre 8th, 2012 | Posted by Roberta C. in libri di cucina - (0 Comments)

Giochiamo in cucina- Esperimenti, giochi, ricette per imparare a cavarsela in cucina, Patrizia Bollo, ed. Salani

Fa parte della collana Manuali del Laboratorio Salani, che già avevamo incontrato parlando di L’insalata era nell’orto.

Patrizia Bollo , dietista e mamma, accompagna i bambini alla scoperta del mondo degli alimenti e della gastronomia, attraverso i cinque sensi.

Numerose ricette sono raccontate con semplicitàe “condite” di curiosità culinarie e scientifiche.

Piacevole e ricco di stimoli, per ragazzini che si possono prendere una certa autonomia in cucina.

Le avventure di Tino il cioccolatino

settembre 28th, 2012 | Posted by Roberta C. in letture - (0 Comments)

 

 

Le avventure di Tino il cioccolatino, Chiara Patarino e Aurora Marsotto e Desideria Guicciardini, ed. Piemme Il Battello a vapore

 

Tre lunghe storie in questo volume, le più amate della serie di Tino Cioccolatino ossia “Tino il cioccolatino”, “Tino il cioccolatino va a Parigi” e “Tino il cioccolatino e il chicco d’oro”, nate dalla collaborazione di Chiara Patarino e Aurora Marsotto, con le illustrazioni di Desideria Guicciardini.

Dalla penna di Chiara Patarino sono uscite altre storie per bambini, curiosamente sempre di taglio alimentare, come  “Camillo fusillo”, “Giginzucchina” e “Fortunata l’arancia profumata”, editi da Carthusia, ma ne parleremo più avanti.

Tornando a Tino, il cioccolatino vive nella cucina di zia Marianna con altri personaggi commestibili  e si avventura di tanto in tanto per il mondo, portando i bambini a conoscere altri paesi e altre abitudini.
Alla fine del libro troviamo qualche gioco e un paio di ricette.
Da adulti ( accidenti alla razionalità! ) lo si legge con un filo di inquietudine: si scioglierà il nostro eroe alla pagina successiva?
Oppure qualcuno lo mangerà?
I bambini probabilmente non se lo chiedono affatto. Beati loro.
Se volete dare un’occhio, esiste anche il sito di Tino.

 

Top