UN BAMBINO O UN PIATTINO?
Header

Chi l’ha mangiato?

settembre 24th, 2015 | Posted by Roberta C. in letture - (0 Comments)

 

chi-l-ha-mangiato-copertina---310-310

 

 

Chi l’ha magiato? Emanuela Bussolati e Federica Buglioni, Ediz. Editoriale Scienza

 

L’educazione alimentare inizia presto e così Editoriale Scienza questa volta ha pensato di rivolgersi ai più piccoli.

L’ultimo volume della collana Ci provo gusto, uscito da poco, è proprio per i pupattoli dai due anni di età e si tratta di un albo cartonato e “finestrato”, che guida il bimbo alla scoperta degli alimenti amati dagli animali.

Chi ha assaggiato la mela? Dita grassocce sollevano l’aletta ed ecco che compare quel ghiottone dell’orso.

Ma la mela piace anche a noi! Non mangiamo forse la torta alle mele con la stessa golosità?

E così via, di alimento in alimento, ci si tuffa nella prima lezione di ecologia, scoprendo le cose che piacciono sia agli animali che agli umani.

Semplice ed immediato il messaggio: la natura provvede e nutre tutti quanti.

E al lupo cosa piace?

Per il momento il lupo si sgranocchia questo libro con gusto!

Ce ne saranno altri?

 

Storie in frigorifero

maggio 26th, 2015 | Posted by Roberta C. in letture - (4 Comments)

 

storie-in-frigorifero---310-310

 

Storie in frigorifero, Emanuela Bussolati e Federica Buglioni, Ed. Editoriale Scienza

 

 

Ci provano davvero gusto Federica Buglioni ed Emanuela Bussolati a sfornare libri che parlano di cibo e così, dopo “Il club dei cuochi segreti” e “Giochiamo che ti invitavo a merenda”, esce il terzo prezioso volume della collana “Ci provo gusto”.

Il titolo è “Storie in frigorifero” e badate bene che dovete avere un frigorifero davvero capiente per contenerle tutte, perchè sono tante e tutte molto appetibili!

Si tratta questa volta di andare ad esplorare in giro per il mondo, per scoprire storie vere che riguardano il cibo e la tavola.

E per ritrovare le origini delle abitudini alimentari si viaggia non solo per il globo, ma anche nel tempo.

Sapete cosa succedeva nel settecento sui vascelli che solcavano gli oceani?

Avreste mai detto che i marinai e i feroci pirati bevevano spremuta d’arancia, come fate voi a colazione?

E se doveste essere invitati ad una tavola giapponese per sorbirvi un brodo, ricordatevi di risucchiare rumorosamente per dichiarare il vostro apprezzamento…

Insomma, c’è da curiosare per scoprire un mondo che non immaginate, dall’origine della cioccolata e del caffè, al primo utilizzo delle posate.

E la storia, la grande storia, si mischia ai racconti sul cibo, come la lunga Marcia del Sale di Gandhi o il Boston Tea Party con cui nel diciottesimo secolo in America si protestò contro le ingiuste tassazioni britanniche.

Date un’occhiata alle prime pagine e sbirciate il racconto dei pesci delle tempeste.

 

 

 

Il libro è strutturato in brevi capitoli e si può leggere e consultare cominciando dalle storie che più incuriosiscono.

Ogni argomento narrato é illustrato piacevolmente da Emanuela Bussolati ed é seguito da una piccola raccolta di brevi aneddoti, che si prestano ad una consultazione leggera e rapida.

Adatto alla lettura autonoma dei bambini dai 7 anni in su, è a mio avviso anche un preziosissimo strumento didattico da usare a scuola, per arricchire i percorsi di educazione alimentare che tante maestre e maestri intraprendono.

 

In caso vogliate assaggiare qualche argomento dei due libri precedenti della collana, mordete, ops!, cliccate qui.

 

 

Il club dei cuochi segreti

dicembre 1st, 2014 | Posted by Roberta C. in letture | libri di cucina - (0 Comments)

 

 

 

 

Il club dei cuochi segreti, Emanuela Bussolati e Federica Buglioni, Ediz. Editoriale Scienza

 

Vi avevo lasciato con il fiato in sospeso, dicendovi delle due uscite di Editoriale Scienza per la nuova collana Ci provo gusto.

Siete andati a sbirciare da soli?

Vi siete fatti un’idea anche del secondo titolo?

Beh, farò finta di niente e vi racconterò tutto come se non sapeste nulla…

Il club dei cuochi segreti è il titolo del volume dedicato ai ragazzini più grandi.

Ed è anche il nome di un gruppo appunto segretissimo, quello di quattro cugini che passano in campagna dai nonni le vacanze di Natale, di Pasqua e quelle estive.

Insomma ce n’è per tutte le stagioni.

I cugini scoprono il mondo dell’orto, il cielo stellato estivo e altre meraviglie della natura e alla fine di ogni avventura c’è una ricetta, facile da eseguire e spiegata chiaramente.

Viene voglia di sperimentarle subito.

Date una guardatina qui intanto, se volete un primo assaggio…

Tra le pagine corrono di soppiatto animali di ogni tipo: ricci silenziosi in punta di piedi e polli starnazzanti, lombrichi umidicci e lente lumache, che attraversano la storia ognuno con il proprio passo.

E tra germogli ,funghi e le più svariate erbe, c’è vita in abbondanza per fare numerose esperienze.

L’intento didattico insomma è portato pienamente a termine, ma senza pedanteria alcuna e la storia dei quattro piccoli esploratori si segue d’un fiato.

Accattivante la grafica, che vede alternarsi fotografie alle illustrazioni vivissime di Emanuela Bussolati e che utilizza font diversi per la parte narrativa e per le ricette.

Più che una storia come tante, sembra un diario, un quaderno degli appunti e anche questo cattura il piccolo lettore, chiamandolo a far parte del club segreto.

E poi posso dire una cosa ancora, da lettrice della vecchia guardia quale sono, di quelle che ancora si affezionano ai libri di carta?

Ebbene, gli angoli smussati di questa collana mi fanno impazzire.

Tutte storie, direte voi.

E invece mica vero.

Il formato ricorda un taccuino e viene voglia di infilarlo nella tasca della giacca e di uscire subito in cerca di un orto.

Abbiate pazienza…

 

 

 

 

Giochiamo che ti invitavo a merenda?

novembre 21st, 2014 | Posted by Roberta C. in letture - (2 Comments)

 

 

Giochiamo che ti invitavo a merenda? , Emanuela Bussolati e Federica Buglioni, Ediz. Editoriale Scienza

 

E che si fa? Non si va?

A fare merenda intendo.

Alzi la mano chi non sente in questa domanda un’eco di familiarità, chi non ricorda come un’invito del genere aprisse magicamente la porta al mondo del gioco.

Giochiamo che?

E questa volta il teatro è la cucina, quella vera e quella finta, quella fatta di zuppe sassose e quella invece fatta di torte commestibili che profumano di merenda.

Cosa c’è di meglio per avvicinare i bambini al cibo, che giocare a cucinare?

Editoriale Scienza allunga l’occhio all’Expo 2015 e inaugura una felice nuova collana che porta il nome di Ci provo gusto.

L’intento è quello di entrare con i bambini nel mondo del cibo e di contribuire alla loro consapevolezza alimentare, imparando a conoscere gli alimenti di qualità, quelli gustosi, che fanno bene e che sono anche divertenti da preparare.

Per ora sono usciti due libri, di cui Giochiamo che ti invitavo a merenda è quello rivolto ai bambini più piccoli, dai tre anni in su, per intenderci.

Si tratta di un preziosissimo manuale, zeppo di…ehm…ricette per confezionare torte e biscotti, cioccolatini e verdure, ma anche cucinette e banchetti da mercato.

Ebbene si, tutto si può costruire, riciclando materiali di ogni tipo.

Come dite, le zuppette con le foglie le sapevate già fare?

Ma ci scommetto che non vi era ancora venuto in mente di preparare succulente fette di cheese cake con dei triangoli di spugna gialla, o di friggere pesci azzurri ritagliati nel pannolenci celeste.

E le cucinette le sapete costruire, partendo da quei due cartoni destinati al cassonetto?

Dilettanti.

Leggete e imparate.

E  vi divertirete forse più dei vostri figli.

Vi lascio un paio di chicche, per sbirciare in anteprima. Si tratta dei video tutorial realizzati con le autrici.

Siete pronti?

Le parole magiche sono:

cucinetta

cibo finto

pasta di sale.

 

A proposito di autrici, non si scherza niente.

Si tratta di Emanuela Bussolati, che nel 2013 si è portata  a casa un premio Andersen come migliore autrice completa.

Nell’editoria per ragazzi lavora da un bel pezzo, come illustratrice, ma anche come direttrice editoriale di Piccoli e La Coccinella.

E’ lei che ha ideato e cura la serie de I Quadernini (Editoriale Scienza) e il suo Tararì Tararera (Carthusia) si è aggiudicato il Premio Andersen nel 2010 come miglior libro 0-6 anni.

Anche Federica Buglioni è un’autrice di tutto rispetto, ma è anche  traduttrice e redattrice.

Nel 2006 a Milano ha fondato, con Fiorella de Matteis, l’associazione Bambini in Cucina, che lavora con bambini, genitori e insegnanti sull’educazione alimentare e organizza laboratori e incontri di formazione.


Top